Salta navigazione.
Home

Dom 26 marzo: Giornata FAI, gita a Palazzo Mezzanotte

In occasione delle giornate FAI di Primavera Marzo 2017



 

domenica 26 marzo
visita a
Palazzo Mezzanotte
Piazza degli Affari 6,  Milano


Ci troviamo con le biciclette al Parcheggio Stazione FS di Segrate, domenica 26 marzo ore 9:30

Ci saranno 2 gruppi:
  1. Un gruppo andrà in bicicletta per circa 12 km di percorso su strade cittadine
  2. Un gruppo prenderà il passante ferroviario da Segrate a Milano-Dateo.
Vi ricordiamo che domenica il trasporto della bici è gratuito sulla linea S5 e che i biglietti per i partecipanti sono acquistabili sul treno.

I partecipanti saranno assicurati per infortunio e responsabilità civile.
Costo di partecipazione: soci FIAB (inclusi iscritti a SegrateCiclabile) 1 euro; non soci 2 euro.

In caso di pioggia, si raggiunge Palazzo Mezzanotte con il passante fino alla fermata di Porta Venezia e poi con la metropolitana linea rossa fino a Piazza Cordusio.
Vi prego di controllare il sito e la ns pagina di facebook per avere gli aggiornamenti in tempo reale.
Il ritrovo, in ogni caso, è davanti stazione. Fs alle 9,30.


Referenti:
Massimo e Maurizio
Tel 331 7302119


Per ragioni organizzative è gradita la conferma della propria partecipazione in anticipo, inviando una mail  entro le ore 17.00 di sabato 25 marzo 2017 a:
info@segrateciclabile.org
Oppure un sms al numero 331 7302119


Palazzo Mezzanotte, monumentale edificio affacciato su piazza degli Affari, svolge dal 1932 il ruolo di icona e centro della vita finanziaria nazionale in quanto sede di Borsa Italiana.
La facciata dell'edificio, in puro stile Novecento, è monumentale, alta 36 metri e poggia su una scalinata d'ingresso alta un metro e mezzo; è realizzata in blocchi di marmo travertino e ospita sculture di Leone Lodi e Geminiano Cibau raffiguranti i quattro elementi naturali, considerati fonti della ricchezza economica.
L'ingresso della Borsa di Palazzo Mezzanotte: ai lati Terra e Fuoco di Leone Lodi
All'interno del palazzo, la sala più importante è la grande sala delle grida, luogo dove si eseguivano le contrattazioni "a chiamata" illuminata dall'alto attraverso un grande velario in vetro inciso raffigurante la volta celeste e le sue costellazioni, realizzato su disegno di Giò Ponti dal celebre vetraio d'arte ticinese Pietro Chiesa (1892-1948).
Sarà possibile accedere all’ex Sala delle Grida, agli scavi romani (con i resti dell’antico teatro di età imperiale) e nell’area semi interrata, dove si trovano le decorazioni in ceramica a parete disegnate dall’artista Giò Ponti.